28 marzo 2012

Le mie ricette - Gnocchi di patate e zucca con pomodoro datterino



 

Ricetta classica, con l'unica variazione di usare, per l'impasto, anche la zucca, che da un buon retrogusto ed un colore più vivo agli gnocchi.

Ingredienti
  1. Zucca (a me piace quella mantovana, che ha un retrogusto di castagna)
  2. Patate a pasta gialla
  3. Farina
  4. Pomodorini datterino
  5. Olio extra-vergine d'oliva
  6. Uno spicchio d'aglio
  7. Qualche foglia di basilico
  8. Parmigiano Reggiano grattugiato
  9. Sale e pepe
Per le quantità regolatevi ad occhio, considerando, come regola assolutamente generale, un peso uguale di patate, zucca (solo la polpa, naturalmente) e farina. E' soprattutto su quest'ultima, la farina, che vi dovrete regolare ad occhio, dato che la quantità che verrà assorbita dall'impasto dipende da molti fattori, come l'acqua residua nelle patate e nella zucca, la loro temperatura, ecc.

Per 6/8 persone potete utilizzare 500 grammi come riferimento per il peso del singolo ingrediente e cioè, 500 gr di patate, 500 gr di zucca e 500 gr di farina.

Partiamo allora con la cottura.

Le patate potete lessarle, se avete un po' più di tempo, mettendole in una pentola, con la buccia e con acqua fredda e portandole poi a bollore. Se il tempo è meno, allora sbucciatele e cuocetele a microonde, alla massima potenza, per circa 15 minuti.

Per la zucca, invece, assolutamente bandita la bollitura, che le farebbe assorbire troppa acqua e, di conseguenza, vi costringerà ad usare troppa farina, per cui l'unica alternativa è, come per le patate, la cottura a microonde, sempre a massima potenza, con la zucca tagliata a pezzi e anche qui per una quindicina di minuti. Ci sarebbe anche l'alternativa del forno tradizionale, avvolgendo i pezzi di zucca nella carta di alluminio ed infornando a 180° per circa un'ora è un quarto, ma non vedo vantaggi rispetto al più rapido microonde.

Prima di lavorare le patate e la zucca, fatele intiepidire all'aria, in modo che possano perdere parte della loro umidità.

Le patate le potete passare con lo schiacciapatate, mentre per la zucca, che è più fibrosa, consiglio prima il passaggio allo schiacciapatate e poi al mixer, in modo da eliminare ogni residuo di fibra.

Raccogliete patate e zucca in una terrina, amalgamatele e poi cominciate ad aggiungere la farina. Impastate ancora un po' nella terrina e poi passate il tutto su un piano di lavoro e continuate a lavorare come se doveste impastare il pane o la pasta fatta in casa.

Aggiungete la farina un po' alla volta, di più all'inizio, quando comunque ne verrà assorbita molta, e poi sempre quantità minori, fino a che l'impasto vi sembrerà pronto. Come dicevo, non esiste una regola aurea e, quindi, vi dovrete regolare ad occhio, considerando che l'impasto dovrà risultare non appiccicoso ed elastico.

Ovviamente non serve lavorarlo a lungo, come si fa per la pasta fatta in casa, anche perchè più lo lavorate, più vi verrà la tentazione di aggiungere altra farina, con l'effetto finale di avere uno gnocco troppo duro.

Non serve aggiungere il sale, dato che poi gli gnocchi saranno cotti in acqua salata.

Fate riposare l'impasto e nel frattempo preprata il sugo che, nello spirito della semplicità degli gnocchi, sarà altrattanto semplice.

Tagliate a metà i pomodori datterino (naturalmente potente usarne anche altre varietà, ma la dolcezza del datterino è fantastica), metteteli in una padella con un po' d'olio extra-vergine, uno spicchio d'aglio e portate sul fuoco.

Fate cuocere a fuoco molto vivace e senza coperchio, sino a quando i pomodori avranno rilasciato il loro liquido e questo si sarà addensato. Aggiungete il sale, il pepe se volete e qualche foglia di basilico solo verso la fine della cottura.

Spegnete, coprite con il coperchio e mettete il sugo da parte.

Ritornate all'impasto e preparate gli gnocchi. Prendete un pezzo di impasto e lavoratelo con le mani fino ad ottenere un cilindro lungo e stretto (non dovete fare altro che usare le mani come un mattarello, appoggiandole sul pezzo di impasto ed andando avanti e indietro) e poi, con un coltello, tagliate gli gnocchi e metteteli da parte, spolverizzandoli con un po' di farina ed avendo cura di tenerli distanziati fra di loro per evitare che si attacchino l'uno all'altro.

Per la cottura prendete una pentola molto grande, riempitela d'acqua, salatela e portatela a bollore, quindi versate gli gnocchi delicatamente, prendendoli singolarmente e non a manciate, con il rischio, di nuovo, di farli attaccare fra loro.

Come sicuramente saprete, lo gnocco è cotto quando viene a galla, per cui siate pronti con un colino e, non appena gli gnocchi riemergono, prendeteli e metteli direttamente nella padella dove avete preprato il sugo. Ogni volta che aggiungete altri gnocchi, date un girata in modo che questi prendano subito il sugo.

Quando tutti gli gnocchi saranno pronti, aggiungete il parmigiano, date un'ultima mescolata e portate in tavola.

Nessun commento:

Posta un commento