21 dicembre 2012

Le mie ricette - Gamberoni saltati allo zenzero e arancia, con semolino al curry



Complice l'offerta last minute sui gamberoni, usati in piccola parte per questo carpaccio, e per venire incontro alle suppliche di mia figlia, la quale, nonostante gli sforzi io faccia, di certo non ama il pesce crudo, mi sono prodigato per prepararle qualcosa che potesse gradire.

Quindi, per venire al dunque, dei gamberoni saltati in olio profumato con zenzero e arancia e poi serviti su un semolino leggermente profumato al curry.

Dalle teste dei gamberoni, poi, ne ho ricavato un fondo di cottura , che ho usato per dare ancora maggior sapore al piatto.

Ingredienti (per 4 persone)
  1. Dodici gamberoni
  2. Mezzo litro di latte intero
  3. Cinquanta grammi di semolino
  4. Mezzo cucchiaino di curry
  5. La scorza di mezza arancia
  6. Un cucchiaino di radice di zenzero grattugiata
  7. Olio extravergine d’oliva
  8. Sale e pepe

Per prima cosa pulite i gamberoni, rimuovendo la testa, il guscio, la coda e il filamento intestinale, laddove serva, provando ad estrarlo delicatamente o, se si dovesse rompere, facendo una piccola incisione sul dorso dei gamberoni e, usando la punta di un coltellino, toglierlo.

Mettete in gamberoni in un piatto e lasciateli in frigo in attesa della loro preparazione finale.

Mettete invece le teste dei gamberoni in una piccola casseruola, aggiungete un paio di cucchiai di olio extravergine e mezzo bicchiere d'acqua, poi portatela sul fuoco, a fiamma bassa e con il coperchio, e fate cuocere le teste per una mezz'ora.

Quando il tempo è trascorso, togliete la casseruola dal fuoco e filtrate il fondo di cottura, usando un colino a rete fitta o una chinoise.

Rimettete il fondo filtrato nella casseruola, dopo ovviamente aver tolto le teste di gamberone ed averla pulita, e riportatela sul fuoco, facendo andare a fiamma media e senza coperchio, in modo da ridurre il fondo ed aumentandone, di conseguenza, la densità.

Non aggiungete farina o simili per avere una densità maggiore, dato che il fondo vi servirà a profumare il piatto e non a creare una vera e propria salsa di accompagnamento.

Spegnete, coprite e tenete in caldo.

Passate ora al semolino, mettendo per prima cosa il latte in un pentolino e portandolo sul fuoco, a fiamma bassa, facendolo scaldare, ma senza arrivare all'ebollizione.

Quando il latte sarà ben caldo, unite il semolino, facendolo cadere a pioggia con una mano, mentre con l'altra, usando un piccola frusta, girerete in continuazione, in modo da evitare la formazione di grumi.

Aggiungete un paio di cucchiai d'olio extravergine e continuate a girare, sempre con la frusta, per circa cinque minuti, fino a quando il semolino comincerà ad addensarsi.

Tenete presente che, alla fine, la consistenza dovrà comunque essere piuttosto morbida, quasi fosse una vellutata, e non certo come quella che si raggiunge per fare, ad esempio, gli gnocchi di semolino.

Quando vi sembra che la consistenza sia quella giusta, aggiungete il curry, mescolate per bene, in modo da incorporarlo alla perfezione, poi spegnete, coprite con il coperchio e fate riposare, giusto il tempo necessario per preparare i gamberoni.

Prendete quindi una padella, meglio se anti-aderente, metteteci tre o quattro cucchiai di olio extravergine, la scorza dell'arancia - mi raccomando, solo la parte arancione - e la radice di zenzero grattugiata.

Portate sul fuoco, a fiamma media, e fate scaldare l'olio, fino a quando lo zenzero e la scorza non cominceranno a sfrigolare, cosa che lascerete fare per un paio di minuti.

Trascorso il tempo, togliete la scorza dall'olio ed unite i gamberoni.

Alzate la fiamma al massimo e fate saltare i gamberoni, che salerete e peperete, per non più di un paio di minuti - i gamberoni, come tutti i crostacei, non amano le cotture prolungate - girandoli con una certa continuità, in modo che possano sentire il calore in modo uniforme.

Quando mancano pochi secondi alla fine cottura, unite nella padella il fondo di cottura ricavato dalle teste dei gamberoni e fate saltare per i pochi secondi rimasti.

Bene, ci siamo, non resta che comporre i piatti, mettendo sul loro fondo un paio di cucchiai di semolino, sopra al quale disporrete i gamberoni e, sul tutto, farete cadere qualche cucchiaio del fondo di cottura dei gamberoni.

Completate con un leggera macinata di pepe nero, un leggerissimo giro d'olio extravergine, e poi portate in tavola.

Buon appetito.

Nessun commento:

Posta un commento