9 giugno 2013

Le mie ricette - Cipolle gratinate con mollica, pomodoro datterino e pecorino romano



Ritorno su una ricetta non certo creativa, ma che a mi piace assai e altrettanto assai trovo adatta ad un clima estivo, che al momento però sembra tardare.

Tutto è nato dall'aver trovato delle belle cipolle bianche, quelle di forma schiacciata, che altro non volevano che essere gratinate in forno, desiderio che ho prontamente esaudito.

Ho deciso, quindi, per una gratinatura semplice, a base di mollica di pane, pomodori datterino, pecorino romano e, per dare un bel profumo, una bella manciata di foglie di basilico.

Per gli amici di buona memoria, confermo che si tratta di una quasi replica di questa ricetta, dove questa volta, però, ho proceduto per semplificazione, lavorando con pochi ingredienti, in modo che ci fosse un buon bilanciamento, tale da non coprire eccessivamente il fantastico gusto delle cipolle.

Ingredienti (per 6 persone)
  1. Sei cipolle bianche schiacciate
  2. Sei cucchiai abbondanti di mollica di pane (vedi dopo)
  3. Una ventina di pomodori datterino
  4. Tre cucchiai di pecorino romano grattugiato
  5. Una decina di foglie di basilico
  6. Olio extravergine di oliva
  7. Sale e pepe

Per quanto riguarda il pane, suggerisco di usarne uno sciapo, come il classico pane di Terni, che ha una mollica compatta e soda, che ben si adatta ad essere ridotta in briciole.

Piccola premessa a parte, partiamo preparando la panatura, mettendo la mollica di pane mixer e riducendolo in briciole molto fini, ricordandovi di misurarne la quantità - i sei cucchiai - solo dopo che lo avrete macinato.

Tagliate i pomodorini a metà, poi ogni metà ancora in due e, aiutandovi con la punta di un coltellino, eliminate tutti i semi dai singoli spicchi, poi tagliateli in piccoli dadini.

Grattugiate il pecorino romano e sminuzzate, meglio se con le mani, le foglioline di basilico in pezzetti piuttosto piccini.

Riunite tutti gli ingredienti in una ciotola - mollica, pecorino, pomodorini e basilico - e bagnate con almeno otto cucchiai di olio extravergine, tenendo presente che la panatura dovrà risultare abbastanza umida, in modo che durante la cottura non si secchi troppo, risultando poco gradevole al gusto.

Regolate di sale, date una generosa macinata di pepe e, finalmente, mescolate in modo da amalgamare il tutto, poi mettete da parte e dedicatevi alle cipolle, che pulirete rimuovendo lo strato più esterno ed il ciuffo, che normalmente si trova nella metà inferiore, e poi taglierete a metà nel verso della larghezza, in modo da ottenere due dischi larghi e piuttosto piatti.

Prendete una teglia da forno a bordi bassi, ungetela con olio extravergine e poi disponeteci le cipolle.

Salate ogni cipolla in superficie, poi usando un cucchiaio disponete, su ciascuna mezza cipolla, un po’ di panatura, avendo cura che questa sia distribuita uniformemente, arrivando sino ai bordi.

Date un ultimo giro d’olio su ogni cipolla e infornate per circa un’ora e un quarto a 170°, non di più, dato che le cipolle si devono appassire piuttosto lentamente e, quando sono cotte, spegnete e tiratele fuori dal forno, facendole freddare a temperatura ambiente, ricordando che, come tutte le verdure gratinate, anche queste vanno gustate fredde.

Quando siete pronti, impiattate, guarnite come meglio credete e portate in tavola.

Buon appetito.

Nessun commento:

Posta un commento