29 settembre 2012

I miei panini - Panino con mozzarella di bufala, pesto, pomodori secchi e acciughe


Lo sapete, a casa mia la mozzarella di bufala non manca mai e, se dovessi scegliere un animaletto da tenermi in casa, non avrei dubbi: una bella bufala, altro che cagnolini e micetti.

Nel tempo ricette con la bufala ne ho proposte molte, forse troppe, anche in considerazione che questa mozzarella - quando è buona e vera, naturalmente - da il meglio di se au naturel.

In un panino, comunque, ci sta bene, a freddo, senza la necessità di scaldarla per farla filare, come si fa con la mozzarella e, questa, volta, gli ho affiancato il pesto ed i pomodorini secchi, entrambi industriali, visto che non avevo né tempo di pestare nel mortaio, né di dedicare qualche giorno a rinsecchire pomodori.

Infine un paio di filetti di acciughe, per creare un buon contrasto con la dolcezza della bufala.

Al solito, pane fatto in casa e mozzarella comprata da La Baronia.

Ingredienti (per un panino)
  1. Un panino (vedi dopo)
  2. Due belle fette di mozzarella di bufala
  3. Quattro pomodori secchi sott'olio
  4. Due cucchiaini di pesto
  5. Due filetti di acciughe
  6. Olio extra-vergine di oliva
  7. Pepe

Per il panino, come sempre, sceglietene uno che abbia una bella mollica compatta e di sostanza o, in alternativa, se avete tempo e voglia, fatevelo da voi, seguendo la mia ricetta per il pane oppure la vostra.

Tagliate a metà il panino e distribuite il pesto sulla metà inferiore, mentre sulla mollica di quella superiore, usando un pennellino o le dita, distribuite un leggerissimo velo di olio extra-vergine.

Tagliate le fette di mozzarella di bufala e mettetele rapidamente sulla metà inferiore del panino, in modo che il suo siero possa sposarsi con il pesto e la mollica.

Sopra alla mozzarella mettete i pomodori secchi, ben sgocciolati dal loro olio, che generalmente non è che sia proprio il massimo.

Per finire i filetti di acciughe, distribuiti sul tutto, diagonalmente rispetto al panino, in modo che possano coprirne l'intera superficie.

Chiudete con la metà superiore del panino e addentate subito, per evitare che la mozzarella rilasci troppo siero, inumidendo il panino oltre il necessario.

Nessun commento:

Posta un commento