30 aprile 2012

Le mie ricette - Piccolo hamburger alla turca, con crema di piselli e visciolata


Eccomi qua, con la seconda contaminazione turco-ottomana, conseguenza di quattro splendidi giorni passati in quel di Istanbul, di un piatto oramai abusato anche in Italia e tanto amato dai più piccini.

Ingredienti (per 4 persone)
  1. 200 grammi di polpa magrissima di manzo macinata
  2. 4 fette di pane in cassetta
  3. Due piccoli cipollotti freschi
  4. Un cucchiaino di paprika dolce
  5. Un cucchiaino di spezie turche (cumino macinato e curry)
  6. 2 etti di piselli (è stagione, per cui prendeteli freschi invece che surgelati)
  7. Basilico
  8. Sale e pepe
  9. Olio extra-vergine di oliva
  10. Marmellata di visciole
Allora, direi di partire con i piselli, che come vi dicevo, sarebbe ora di prendere freschi, visto che è stagione, lasciando per una volta nel freezer i "pisellini primavera", compagni oramai abituali sulla tavola degli italiani.

Assaggiando i piselli freschi, vi assicuro che scoprirete un sapore nuovo, più pastoso e cremoso.

Bene, mettete i piselli in un pentolino con qualche cucchiaio di olio extra-vergine, coprite con il coperchio e portate sul fuoco, a fiamma bassa. Cuocendo con calma e con il coperchio, vedrete che non servirà aggiungere acqua.

Verso la fine della cottura regolate di sale e data una macinata di pepe.

Spegnete e fate freddare, poi aggiungete una decina di foglie di basilico e, con il Minipimer, riducete il tutto in crema (se non avete il Minipimer va bene, ovviamente, anche il frullatore; se non avete neanche quello, fatevelo prestare dal vicino/vicina, avete visto mai che...). Nel caso il tutto risulti troppo denso, aggiungete un altro po' d'olio.

Passiamo alla ciccia. Raccogliete il macinato (fatevelo sempre preparare al momento, dato che spesso quello pronto è addizionato con destrosio ed antiossidanti) in una ciotola, aggiungete le spezie e i cipollotti, che avrete preventivamente tritato finemente con il coltello. Regolate di sale, date una macinata di pepe, ed impastate il tutto con le mani (se toccare il cibo con le mani vi fa schifo, fatemelo sapere, che vi do il numero di un buon analista).

Formate, con il macinato, dei piccoli hamburger e teneteli in frigo fino alla cottura.

Ricavate dalle fette di pane in cassetta dei dischi di misura leggermente superiore a quella degli hamburger (sto parlando del diametro, ovviamente) e fateli dorare, da tutti e due i lati, su un padellino anti-aderente unto con un po' d'olio.

Sempre usando una padella anti-aderente, cuocete gli hamburger con un altro po' di olio extra-vergine e a fiamma medio-alta. Girateli più volte durante la cottura e ogni tanto schiacciateli con una paletta, in modo da controllare quanto liquido interno ci sia ancora, cosa che vi da un buona indicazione della loro cottura (l'hamburger al sangue non è il massimo, ma anche quello carbonizzato fra discretamente schifo).

Quando gli hamburger sono pronti, procedete con l'impiattamento, disponendo sul piatto una fetta di pane, sopra di essa l'hamburger e, a fianco, un po' di crema di piselli ed una cucchiata di marmellata di visciole.

Inebriati dai profumi delle spezie, portate in tavola e stupite i vostri ospiti.

Nessun commento:

Posta un commento