5 dicembre 2012

E’ la stampa, bellezza...


...la stampa. E tu non ci puoi far niente.

Eh si, la stampa non si può fermare, come diceva Humphrey Bogart in Quarto Potere.

E visto che mai potrei competere con attori di quel calibro, e quindi mai potrei smentire ciò che ci ha detto Anfri, ecco che giocoforza mi sono lanciato nell’avventura, mettendo sotto l’albero di Natale - non il mio, ma quello di tutti - una versione sfogliabile di quello che c’è sul Blog.

Ovviamente non c’è tutto, ma solo una parte. Una parte che spero sia significativa del tutto. Praticamente una sineddoche gastronomica.

Ne ho prodotte due versioni: la prima, per i fedelissimi del Blog e di Facebook, gratuita ed in formato PDF; la seconda, visto che qualcuno mi dice che bisogna cavalcare le mode, in formato Kindle, in vendita su Amazon al prezzo minimo che sono riuscito ad impostare: poco meno di 1,80 eurini.

Non è che sia proprio un’edizione tascabile, un Bignami del Blog, visto che sono 540 pagine e fischia, tra ricette e divagazioni. Se vi sembrano troppe, tenete presente che se il libro lo stampate e poi non vi piace, potete sempre usarlo come arma impropria oppure come peso per i vostri esercizi ginnici mattutini (sottolineo vostri, dato che i miei, al più, consistono nel sollevare la tazzina del caffè per portarmela alla bocca).

Ovviamente, e certamente non lo dico avendo in mente l’argent, la versione Kindle è da preferire, visto che:
  • leggendo un libro su Kindle, si rimorchia molto di più, come scientificamente dimostrato da una recente ricerca, pubblicata su Scientific American con il titolo “Kindle as butterflies collection of the modern era: would You like to get into my apartment to see my ebooks on kindle ?”;
  • il Kindle lo potete tenere in tasca, per ogni emegenza, così, che so, se siete in aereo e l’aereo sta precipitando, potete schiantarvi nella certezza di aver prima ripassato la vostra ricetta preferita (nel caso, mi sentirei di suggerire “battuto di carne in ristretto di vino rosso” oppure “torta sbrisolona”);
Che dire, già mi sento un novello Artusi, un epigono di Ada Boni, un Vate della gastronomia, un profeta del pastrocchiamento.

Già mi vedo, davanti alla vetrina di una grande libreria, a rimirare il successo dell’anno - il mio, ovviamente - con gli altri astanti, che guardando il libro e poi guardando me, si danno di gomito, ammiccando e guardando-senza-far-vedere-che-stanno-guardando, ed io, pieno di boria e con irritante aria di sufficienza, dico minchiate del tipo “No, in fondo non mi importa più di tanto, la fama è per i vanagloriosi, io sono per l’essere e non per l’apparire” e poi chiedo se, per caso, qualcuno voglia un tatuaggio permanente con il mio autografo o una ciocca dei miei capelli.


Cliccatequi per andare su Amazon e comprarvi la versione Kindle.

Nessun commento:

Posta un commento